News

Come vivere a lungo? Il segreto che non ti aspetti

Prolungare la vita grazie alla semplice tradizione rurale e il cibo

Quante volte ti sarà capitato di pensare: ‘Come posso allungare la mia vita ritardando l’invecchiamento?’... Che domandona eh? Non se lo è mai chiesto nessuno vero? Quando allo specchio vedi i capelli bianchi che aumentano o comparire una rughetta che ieri non c'era...

Tutti ce lo chiediamo, diciamoci la verità: donne, uomini, giovani e meno giovani.

Vivere bene (e in forma) è quello cui tutti aspiriamo. Se a questo aggiungiamo la possibilità di vivere a lungo, tanto meglio!

Stando alla scienza ufficiale, questa ricetta non è stata ancora inventata. 

Tuttavia da persona che vive la campagna, forte della sua tradizione centenaria, potrei dire il contrario.

Ti dimostrerò quindi in questo articolo, supportato da esperienza,  statistiche e dati scientifici, come si può vivere bene e a lungo.

Pubblicità e falsi miti: cosa bisogna sapere

Quante volte in televisione abbiamo visto pubblicità di creme e cosmetici, integratori o pozioni magiche? Quante volte avrai letto di misteriosi cibi esotici che possono ringiovanire la tua pelle come quella di un bambino o ti promettono di vivere più a lungo?

Scommetto che anche per te lo scetticismo è sempre stato ai massimi livelli a riguardo, vero?

Eppure sono convinto di una cosa: le risposte che stiamo cercando non sono in qualche scoperta futura ma risiedono nella tradizione passata.

Siamo costantemente sotto pressione da parte dei media, ci propinano in continuazione falsi modelli da seguire.

Ci viene imposto un diktat cui dobbiamo sottostare per essere conformi al pensiero comune, ma ho una brutta notizia per te: non è seguire questa via il segreto per la longevità, ottenere benessere fisico e mentale.

La vera via per il benessere fisico e mentale

Qual è la vera via per il benessere fisico e mentale?

La risposta risiede in una parola: ‘Tradizione’, appunto. Qui si trova quella verità o quel famoso rimedio miracoloso che tutti cerchiamo. 

Concedimelo, da contadino quale sono posso assicurarti che gli insegnamenti dei nostri ‘vecchi’ detengono assolute verità. La saggezza degli anziani non sbaglia.

L’elisir di lunga vita che permette di mantenerti giovane? Il cibo. Si, hai capito bene. Niente di più semplice. Il cibo.

Se parliamo di cibo, mi fido più della tradizione tramandata da mia nonna che di quello che qualche guru new age o qualche personal trainer affamato di soldi ti insegna.

I nostri cari, diversi fortunati tra loro, sono arrivati alla veneranda età senza nemmeno vedere mai un dottore e ora  capisco perché: grazie ad uno stile di vita sano e al cibo.

Consideriamo inoltre che al tempo, non esistevano le possibilità e l’assistenza sanitaria di oggi. 

Se volevi mantenerti in forma e soprattutto combattere l’avanzare del tempo, era necessario rimediare con soluzioni alla portata, mantenendo un’alta qualità della vita: prevenzione degli acciacchi grazie all’alimentazione. Era l'unico modo.

Parliamo di altri tempi, non c’era cibo spazzatura, non esistevano tutti quei prodotti destinati alla grande distribuzione pieni di conservanti e additivi. Il cibo veniva colto direttamente dalla ‘Madre Terra’ e consumato. 

Un cibo semplice e genuino: questo ha permesso a tanti di migliorare la qualità della propria vita, premiando longevità e combattendo l’invecchiamento.

Diete bilanciate grazie alla scarsità. Sembra un paradosso ma se ci pensiamo è così.

Si mangiava tanta frutta e verdura, la carne era un lusso e quando si consumava era di indubbia qualità (non stiamo parlando di animali sfruttati e allevati in batteria).

Oggi non è più così: pensiamo ai polli del supermercato, che arrivano a maturità dopo solo qualche settimana. Come mai? Iniziamo a farci due domande...

Vuoi conoscere le antiche ricette ed i valori delle Terre di Giò? Seguimi e lo scoprirai!

Iscriviti alla newsletter

Il problema del consumismo moderno

Viviamo in un'epoca di benessere, in cui l'economia è florida pur con i suoi periodi e momenti di alti e bassi.

L'attuale situazione economica non è nemmeno lontanamente paragonabile a quella che si viveva 100 anni fa.

Proprio questa abbondanza ci porta alla ricerca del superfluo, dai beni materiali a quelli immateriali.

Anche il cibo, in molti casi può rappresentare un superfluo, uno sfizio di cui possiamo fare a meno.

A cosa mi riferisco?

Sicuramente a tutti quei cibi ricchi di conservanti, additivi, formule chimiche e sigle negli ingredienti di cui il nostro corpo non ha certo bisogno.

Per carità, sono cibi golosi e ammetto che in passato hanno tentato anche me (attenzione, ho detto 'golosi', non 'Gustosi' - il Gusto è altra cosa...): tuttavia nulla hanno a che vedere con il cibo salutare che mangiavano i nostri nonni.

L'abuso di certi cibi ci ha portato fuori rotta provocando conseguenze non indifferenti: non a caso fioriscono nel mondo occidentale (quindi anche in Italia) malattie come il diabete di tipo 2, correlato a vari abusi come alcool, cibi processati, alimentazione sbilanciata, scarso consumo di frutta e verdura... Senza parlare poi del problema dell'obesità.

E' necessario quindi riprendere i vecchi ritmi guardando con occhio attento al passato.

Al giorno d'oggi cerchiamo la soluzione nelle diete proposte da sedicenti guru dell'alimentazione o del fitness, ma la soluzione non è questa.

E' ancora possibile nutrirsi e vivere bene come una volta. Te lo dimostro.

La prova: come una regione dalla tradizione rurale vanti primati di longevità

L’elisir di lunga vita era proprio li, a portata di mano e oggi ce ne siamo dimenticati…

Altrimenti non si spiegherebbe come mai le regioni che hanno una lunga tradizione rurale come le Marche (di cui sono originario) vantino un alto numero di ultraottantenni: qui la longevità è di casa.

Quello che ti sto dicendo non te le dico per una semplice impressione o chissà quale sentore.

Te lo dico a ragion veduta supportato da dati certi.

L’Osservatorio nazionale della Salute, un progetto dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma nel focus Disuguaglianze di salute in Italia, compila la graduatoria sui dati del 2016.

L'età media della popolazione della provincia di Pesaro (dati 2016) è seconda soltanto a quella del Trentino Alto Adige (83 contro 84 anni), è il grande merito va al cibo che trae origine dalla tradizione rurale di cui le Marche sono permeate.

Ecco come ti dimostro quindi che lo stile di vita e le tradizioni di questa regione, non possono far altro che migliorare il tuo benessere psico-fisico.

Vuoi prolungare la tua vita e migliorare il tuo benessere? Non guardare avanti, guarda indietro, c'è tanto da imparare.

Antiche ricette e ingredienti genuini.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.